Le mie poesie – L’isola che c’è

L’isola che c’è di Myriam De Luca

Solo tu sai riportarmi
ad ascoltar le stelle
a penetrare la tua fitta
e silenziosa notte
al chiarore di un quarto di luna
complice della voglia
che ho di pace
Mi immergo nella sorgente
dei tuoi boschi
trasportata dal profumo
del timo selvatico
che mi conduce al mare
Un fruscio di umettate foglie
intenerisce il vento
con dolce sibilare
le culla e le addormenta
Luce solitaria l’alba
si mescola al suono primitivo
del mondo
Estasi di vita profonda
distante dal dissacrante affanno delle città

(La fotografia in evidenza, scattata a Favignana, è di Emiliano Milanesi)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...