I nostri amici libri – Un pezzo morsicato poesia tratta dalla raccolta D’un continuo trambusto di Nicola Romano. [VIDEO]


I nostri amici libri a cura della scrittrice Myriam De Luca

Dentro queste anime a forma di libro, ci sono racchiusi ricordi di grandi emozioni. Il lunedì e il venerdì di ogni settimana alle ore 18,00 desterò un nostro amico di carta dal torpore in cui giacciono anche loro.

Oggi do voce allo scrittore Nicola Romano (nell’immagine in alto), attraverso la lettura di una poesia che si intitola Un pezzo morsicato tratta dalla sua raccolta di poesie D’un continuo trambusto.


Recensioni – Myriam De Luca, L’invisibile nutrimento (Edizioni Thule) recensito su Culturelite dalla poetessa Anna Maria Bonfiglio

La poetessa Anna Maria Bonfiglio

Presentando la prima raccolta di poesie di Myriam De LucaEsortazioni solitarie, ebbi modo di riconoscere nella sua scrittura una forte potenzialità di evoluzione per le caratteristiche di appassionata sensibilità e per il linguaggio curato e suggestivo. Nell’accostarmi alla sua nuova raccolta, L’invisibile nutrimento, scopro con compiacimento che il  percorso compiuto l’ha portata ad impadronirsi di una propria cifra stilistica costituita innanzi tutto da una scrittura “onesta”, dal verso curato ma scevro di ricercatezze sovrastrutturali, e dall’apertura tematica che, oltrepassando la soglia  autobiografica, si misura nel ri-conoscimento del sé. Tra “l’insidiosa tentazione di compiacersi e la voglia di liberarsi dai suoi vizi”, l’anima-coscienza fluttua fino al rifugio sicuro dell’innocenza primigenia, e da questa posizione idealistica esterna la propria ricchezza interiore “così che la poesia di un attimo/brilli per sempre”. Vi è in questa raccolta una totale aderenza alla vita, nell’inganno o nel disincanto non viene mai meno la forza di oltrepassare le strettoie e attendere che “le stelle scure (siano) scadute come il disamore”. I testi poetici di Myriam De Luca non si limitano ad attraversare sic et simpliciter gli stati d’animo o a decantare le ricchezze della natura, né a lamentare retoricamente quanto nella società stia andando allo sfascio, si aprono piuttosto ad ogni possibile aspetto della realtà personale e umana, tangendo altre più varie questioni quali: il vuoto di un modus vivendi arido e intossicato dove “la memoria di anni gentili/sembra un insulto/all’insolenza dilagante”; o la problematica del ruolo femminile nella vita affettiva (Fammi sentire donna/anche senza un abito sensuale) e in quella sociale (Di me il prezzo pattuisce/con labbra sottili e cattive). E nella poesia Donne si compendia il ritratto del femminile usato e abusato nella mitologia del quotidiano: “Cantano di noi i poeti/ci immortalano i pittori/tra rose pallide/e tramonti di vetro”. Sin da questi primi quattro versi si delinea il nucleo pungente del testo che polemizza con il topos ormai desueto della donna-angelo del focolare. “Siamo uomini e padri/nella pazienza e nell’attesa/(…) A volte abbiamo voglia/di essere avare ed egoiste/di spiccare voli senza ritorno”……

Anna Maria Bonfiglio (CONTINUA all’interno del Magazine letterario Culturelite)


Le mie pubblicazioni – La giornalista Marianna La Barbera recensisce su Palermo Live il mio romanzo Via Paganini,7

La giornalista Marianna La Barbera con il suo inconfondibile stile di scrittura, che riflette le sue caratteristiche personali, continua a emozionarmi. Una recensione curata nei dettagli che identifica e definisce con grande abilità le tematiche fondamentali del mio romanzo. L’ accurata selezione delle parole, la forma utilizzata e il suo infallibile fiuto con cui legge le persone, rendono questa recensione profonda, autentica, limpida. Ancora una volta, grazie. ❤️🌹

Myriam De Luca (nella fotografia in alto)

La giornalista Marianna La Barbera

Articolo di Marianna La Barbera su PalermoLive

Determinismo, libero arbitrio, capacità di svincolarsi dagli effetti nefasti di relazioni conflittuali e rapporti parentali disfunzionali, rinascita. L’autrice palermitana Myriam De Luca sceglie di sondare il tema della conflittualità familiare nell’opera “Via Paganini, 7”, apprezzata dal pubblico e dalla critica. Una materia non certo facile che investe vita affettiva e percezione del sé e che il romanzo affronta – con grazia – attraverso la vicenda umana di Viviana, ventenne stretta tra un lavoro che non ama e una famiglia negligente e colpevolmente ostile.

Una dimensione asfittica – nella quale molte lettrici e, perché no, molti lettori non trovano fatica a riconoscersi – che priva la giovane del benessere emotivo e della leggerezza che la sua età esigerebbe. L’ opera, arricchita dalla prefazione di Giovanna Di Gangi, si apre con una conversazione ad alto tasso di tossicità tra madre e figlia.

Più che al dialogo tra due donne legate da un rapporto che dovrebbe, più di ogni altro, descrivere l’amore puro e incondizionato, il lettore sembra assistere alla visione di un film di Ingmar Bergman e si ritrova inerme dinanzi a un groviglio di conflitti familiari dal quale si stagliano con forza due identità femminili in un rapporto deteriorato. Un vulnus destinato a inquinare le esperienze e il vissuto interiore della protagonista, ma il finale sarà meno triste e amaro di quanto si possa immaginare.

Focale, nell’evoluzione della storia, è il trasferimento della protagonista da Palermo a Torino. Il viaggio non è inteso come fuga bensì quale movimento salvifico verso un altrove che rappresenta un terreno di sfida e capacità di adattamento: a Viviana non bastano più la complicità della migliore amica Mara, l’affetto della zia Enrica, fulgida figura femminile opposta alla madre ostile e dai tratti isterici, e neppure l’amore di Niko.

Via Paganini, 7 di Myriam De Luca – Copertina

“Via Paganini, 7” possiede molte caratteristiche del cosiddetto romanzo di formazione, un vero e proprio genere letterario nato in Germania alla fine del 1700 e successivamente affermatosi anche in Francia e Italia.

Il tratto saliente è l’evoluzione del personaggio verso l’età adulta e la piena maturazione, un processo che l’autrice descrive dall’angolo visuale di una donna, con grande sensibilità e particolare accuratezza. Una linea narrativa che Myriam De Luca adotta anche nel dare forma ai personaggi collaterali, che rivestono un ruolo non secondario nella crescita della giovane protagonista.

Lo stile è fluido e godibile, anche nei passaggi più tormentati, e i dialoghi esprimono con efficacia il senso delle relazioni umane. Un’opera che ben si presta a essere declinata in uno scenario teatrale: così è stato, con grande successo.

CONTINUA su PalermoLive

Miserie intellettuali…

Miserie intellettuali come focolari sismici.
Muore l’educazione nelle bocche cieche di chi si professa educatore.
Pugni di parole sudice e insensate umiliano la libertà e sputano disprezzo sul rispetto e sulla dignità di ogni persona.
Che magnifico esempio per i nostri giovani ai quali abbiamo consegnato una società che fa acqua da tutti i lati.
Povera Italia ricoperta da vergogne quotidiane.

I nostri amici libri – Versi di Giovanna Fileccia tratti dalla raccolta di poesie Marhanima [VIDEO]


I nostri amici libri a cura della scrittrice Myriam De Luca

Dentro queste anime a forma di libro, ci sono racchiusi ricordi di grandi emozioni. Il lunedì e il venerdì di ogni settimana alle ore 18,00 desterò un nostro amico di carta dal torpore in cui giacciono anche loro.

Oggi do voce alla scrittrice Giovanna Fileccia (nell’immagine in alto), attraverso la lettura di alcuni versi contenuti all’interno della sua raccolta di poesie Marhanima.

Myriam De Luca declama alcuni versi tratti da Marhanima

Magazine – Intervista di Chiara Fici a Myriam De Luca su GLOBUS Magazine

“Via Paganini 7” ed “Esortazioni Solitarie” sono i libri che lei ha scritto: un romanzo ed un libro di poesie. Tanto impegno ed amore dentro queste pagine. Quali sono le tematiche che lei Myriam ha voluto stigmatizzare?

Via Paganini, 7 è un romanzo di formazione che narra la storia di una giovane siciliana che lascia la sua amata terra per intraprendere un viaggio alla ricerca di se stessa. Si trasferisce a Torino, e sarà proprio questa fredda città, lontana dal suo sole, a regalarle nuovi incontri che incideranno profondamente sulla sua giovane esistenza e che condurranno la sua vita verso direzioni che mai avrebbe immaginato. Il secondo libro dal titolo “Esortazioni solitarie “, è una raccolta di poesie dai versi tersi e liberi che spero regalino ai lettori emozioni genuine”

Via Paganini  che e’ andato in scena  con notevole successo le ha dato l’imput per scrivere  nuovi lavori teatrali che sono un’altra sua grande passione?

“Via Paganini è andato in scena  il 7 il 30 novembre 2017 al teatro Jolly di Palermo con un cast meraviglioso di attori tra cui la bravissima Giuditta Perriera. Lo spettacolo ha riscosso molto successo di critica e di pubblico. Non potevo non farlo, oltre la scrittura, il teatro è un’altra mia grande passione. Ho studiato parecchi anni recitazione e ho preso parte a diverse rappresentazioni teatrali”.

Da cosa o da chi prende ispirazione?

Copertine delle pubblicazioni di Myriam De Luca.

Trovo ispirazione da tutto ciò che mi circonda, basta sentirlo. Sono un’irrequieta, soffro e gioisco per tutto e anche una piccola scintilla può mettere in moto il mio processo creativo”.

Ha delle abitudini particolari  mentre lavora ai suoi testi?

“Sì, adoro scrivere a letto con la mia figlia pelosa acciambellata accanto a me da un lato e la mia tisana allo zenzero e arancia dall’ altro”

Che messaggi ha voluto dare con questi suoi libri  e penso che leggendoli ho colto  che il messaggio principale è dedicato ai lettori più giovani: adolescenti   che in balia delle “onde” della  vita non sanno ancora vedere  con il ” binocolo” un ” porto ” sicuro?

“Credo si possano cogliere diversi messaggi tra le pagine del mio romanzo, ma sicuramente quello che mi piacerebbe arrivasse di più ai lettori è che nella vita abbiamo sempre la possibilità di scegliere  tirandoci fuori dalla ” cultura del vittimismo e della rassegnazione “

Qual è il suo rapporto come scrittrice  con i giovani lettori; so  che lei è madre di due figli ormai grandi e che  spesso  ha presentato in alcuni licei palermitani  i suoi libri per lanciare appunto il messaggio  sopra  scritto?

Con i giovani ho sempre avuto un rapporto empatico. Credo e confido molto in loro, nonostante spesso vengano additati e presi di mira. I giovani sono la risorsa più importante della società, abitata per lo più da adulti andati a male che li bombardano di troppe regole e pochi esempi. Sono la promessa di un futuro migliore, per questo devono prestare molta attenzione alle scelte che fanno e ponderare bene le opportunità che la vita offre loro. Ho presentato i miei libri in diversi licei sia a Palermo che fuori. Ritengo che le scuole siano i più importanti luoghi di formazione, di educazione, di crescita e di riflessione. Dare la possibilità ai ragazzi di confrontarsi direttamente con lo scrittore di un libro che hanno letto, e lo scrittore con loro, è un’esperienza davvero entusiasmante”.

L’intervista di Chiara Fici continua nella pagina online GLOBUS Magazine

Video – Una canzone per alimentare la leggerezza

Quando ti svegli con un ritornello che ti batte tutto il giorno nella testa e il sole fuori splende! Usciamo dalle nostre gabbie e dai nostri cellulari. Non diamo tutta la colpa al Covid e al governo se ci sentiamo schiacciati e oppressi da giorni sempre uguali… Amo questa canzone e questo video, spero che trasmetta anche a voi un po’ di leggerezza 🤗❤️

Yael Naim – How will I know

I nostri amici libri – Dietro al buio poesia di José Russotti [VIDEO]


I nostri amici libri a cura della scrittrice Myriam De Luca

Dentro queste anime a forma di libro, ci sono racchiusi ricordi di grandi emozioni. Il lunedì e il venerdì di ogni settimana alle ore 18,00 desterò un nostro amico di carta dal torpore in cui giacciono anche loro.

Oggi do voce alla poeta e promotore culturale José Russotti (nell’immagine in alto), attraverso la lettura di una sua poesia, contenuta all’interno della raccolta di poesie Dietro al buio.

La scrittrice Myriam De Luca declama la poesia Dietro al buio di José Russotti

I nostri amici libri – Aforismi di Tommaso Romano tratti dal libro Alchimia della polvere [VIDEO]


I nostri amici libri a cura della scrittrice Myriam De Luca

Dentro queste anime a forma di libro, ci sono racchiusi ricordi di grandi emozioni. Il lunedì e il venerdì di ogni settimana alle ore 18,00 desterò un nostro amico di carta dal torpore in cui giacciono anche loro.

Oggi do voce allo scrittore Tommaso Romano (nell’immagine in alto), attraverso la lettura di alcuni aforismi contenuti nel suo libro Alchimia della polvere.

Myriam De Luca legge alcuni aforismi tratti dal libro Alchimia della polvere di Tommaso Romano