Le mie poesie – Pietre d’inciampo per non dimenticare… di Myriam De Luca.

Pietre d’inciampo per non dimenticare… di Myriam De Luca

Memoria di coscienze di pietra
di scheletriche anime
che immolano sull’altare della follia 
innocenti vite
di lupi che feroci azzannano
agnelli nei recinti
Tra la nebbia che offusca la ragione
avanza il senso di onnipotenza 
squarcia attese e voci 
di corpi demoliti 
Stanca anche la fetida terra bagnata
d’esser complice degli abusi 
su migliaia di esseri umani 
sovvertiti in numeri 
Nei luoghi più inospitali del mondo 
occhi spenti sognano la luce
in fondo a una desolazione senza ritorno 
Piegato il dolore invoca pietà 
su nervi esausti sdraiati 
sopra un metro cubo d’aria 
Speranze senza braccia
continuano a spalare cumuli e trincee
Il vento, spossato dai lamenti, 
alle prime luci dell’alba 
torna a essere cielo

Senza vergogna l’umanità taceva...




Le mie poesie – di Myriam De Luca

Di Myriam De Luca


Anche il tramonto si è fermato
in attesa di un gesto
Il silenzio tace nel sole freddo
le navi sono immobili
di fronte al porto
I gabbiani sulla riva
sono adagiati come statue
La mano del poeta si blocca
si lascia scrivere addosso
Nel fermo immagine
di acciottolati ricordi non ci saremo
sarà bastato il sogno

La fotografia in evidenza è di Emiliano Milanesi

Le mie poesie – “Farsi un nome” di Myriam De Luca

“Farsi un nome” di Myriam De Luca


Lotte affannose per “farsi un nome”.
Fame di successo tra medaglie 
senza valore.
Il più bel nome è il tuo
pronunciato con amore
dalla bocca di chi ami
al riparo da soffi di gloria
tra le rovine della Torre di Babele

( © Tutti i Diritti Riservati)

Le mie pubblicazioni – La giornalista Marianna La Barbera recensisce su Palermo Live il mio romanzo Via Paganini,7

La giornalista Marianna La Barbera con il suo inconfondibile stile di scrittura, che riflette le sue caratteristiche personali, continua a emozionarmi. Una recensione curata nei dettagli che identifica e definisce con grande abilità le tematiche fondamentali del mio romanzo. L’ accurata selezione delle parole, la forma utilizzata e il suo infallibile fiuto con cui leggeContinua a leggere “Le mie pubblicazioni – La giornalista Marianna La Barbera recensisce su Palermo Live il mio romanzo Via Paganini,7”

Miserie intellettuali…

Miserie intellettuali come focolari sismici.Muore l’educazione nelle bocche cieche di chi si professa educatore.Pugni di parole sudice e insensate umiliano la libertà e sputano disprezzo sul rispetto e sulla dignità di ogni persona.Che magnifico esempio per i nostri giovani ai quali abbiamo consegnato una società che fa acqua da tutti i lati.Povera Italia ricoperta daContinua a leggere “Miserie intellettuali…”

I nostri amici libri – Versi di Giovanna Fileccia tratti dalla raccolta di poesie Marhanima [VIDEO]

Dentro queste anime a forma di libro, ci sono racchiusi ricordi di grandi emozioni. Il lunedì e il venerdì di ogni settimana alle ore 18,00 desterò un nostro amico di carta dal torpore in cui giacciono anche loro. Oggi do voce alla scrittrice Giovanna Fileccia (nell’immagine in alto), attraverso la lettura di alcuni versi contenutiContinua a leggere “I nostri amici libri – Versi di Giovanna Fileccia tratti dalla raccolta di poesie Marhanima [VIDEO]”

Le mie poesie – Lontano dalla città di Myriam De Luca

Lontano dalla città di Myriam De Luca

Il cielo cambia senza preavviso
si fa grigio venato di marmo
Respiro a fondo
l’aria gelida e pulita
Mi accovaccio davanti a un fiume
L’ acqua è un cristallo
che riflette la smania
di vivere lontano dalla città
Ho imparato a escludermi
dal fracasso del mondo
a cavalcare la sagoma
delle montagne
La nebbia vela la vallata
si insinua tra i vestiti e la pelle
Sfioro con i polpastrelli
un arbusto di fiori viola
Vibrante e potente
è lo scorrere della vita
nella terra, nell’acqua, nell’aria
Rinasco nella luce
che si posa sulle pietre
vive d’argento
nei sensi assetati di incanto

Dalla raccolta L’invisibile Nutrimento Thule Edizioni 2020

Copertina de L’invisibile nutrimento di Myriam De Luca

Le mie poesie – L’isola che c’è

L’isola che c’è di Myriam De Luca

Solo tu sai riportarmi
ad ascoltar le stelle
a penetrare la tua fitta
e silenziosa notte
al chiarore di un quarto di luna
complice della voglia
che ho di pace
Mi immergo nella sorgente
dei tuoi boschi
trasportata dal profumo
del timo selvatico
che mi conduce al mare
Un fruscio di umettate foglie
intenerisce il vento
con dolce sibilare
le culla e le addormenta
Luce solitaria l’alba
si mescola al suono primitivo
del mondo
Estasi di vita profonda
distante dal dissacrante affanno delle città

(La fotografia in evidenza, scattata a Favignana, è di Emiliano Milanesi)

Le mie poesie – Mare calmo

Mare calmo di Myriam De Luca

Mi siedo dalla parte
del mare calmo
dove i delfini spumeggiano
allegri nell’azzurro
incuranti delle tempeste
e degli squali
Pensieri rotti traghettano
verso altre mete
per ricomporsi nella pazienza
fattiva e fiduciosa
Certezze ruotano come giostre
e si posano sulle palpebre stanche
Navigano attente le mie percezioni
alzano vele solitarie e assorte
Respiro scorte profonde di libertà
dentro un bagliore di gioia
Innestato di cielo
sento l’animo alleggerirsi
Mi abbraccio, ed è Pace

Le mie poesie – Stanotte non ci sono stelle

Stanotte non ci sono le stelle di Myriam De Luca

Si apre il sipario
buio d’attesa
la notte si posa come farfalla
sulla pelle nuda
Scrivo pensieri curvi
con ali scolorite di certezze
e corte di progetti
Non è stato morbido
il giorno trascorso
pieno di smanie
e di orli scuciti
Affondo nell’aria muta
e disingannata
Domani mi regalerò delle rose
così… per dispetto
e le collocherò
nell’angolo cinico
del tuo sorriso

Le mie poesie – Versi Incompiuti

Versi incompiuti di Myriam De Luca

Pensieri incalzano sull’asfalto
nell’assillante ticchettìo
di tacchi rimbombanti
Santuari dissacrati
sfumano la ragione
Aneliti di amore sprecato
accigliano la fronte
Pulsioni e desideri abbandonati
su lettighe di astenia
sfiniscono versi incompiuti

Le mie poesie – Mafia e Sale

Mafia e Sale di Myriam De Luca
(Poesia finalista al Premio Piersanti Mattarella, dedicata al giudice Giovanni Falcone)

Certo che ce ne sono volute
di stragi e di uomini morti
per svegliare il tacito torpore
di una terra che profuma
di mare e di lupare
Tonache porpora si confondono
tra abiti gessati e mocassini
di alto pregio
Cravatte stringono come cappi
verità in fondo alla gola
Ingannevole moralità
e mascherata depravazione
Ma la tenacia non si arrende
ai premiti arroganti
dell’ “onorata società”
Convinzioni forti
lasciano nella solitudine
Margini di una vita normale
stemperano echi di un insidioso
e presumibile destino
Il sale asciuga l’umettato humus
di antichi e nuovi orrori
Mani scavano tracce
di coscienze nuove